CRICD
 Regione Siciliana - Assessorato dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana - Dipartimento dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana

Centro Regionale per l'Inventario, la Catalogazione e la Documentazione grafica, fotografica, aerofotogrammetrica, audiovisiva
Cerca nel sito  
SEDE: Via dell'Arsenale, 52 90142 Palermo - TECHE: Biblioteca, Fototeca, Cartoteca C.so Calatafimi, 217 90129 Palermo Filmoteca Via Nicolò Garzilli, 38 90141 Palermo
CONTATTIemail cricd@regione.sicilia.it , pec cricdsicilia@pec.aruba.it

 
Teche CRICD


Teche CRICD



Dipartimento dei Beni culturali e dell'Identità siciliana

Ministero dei Beni Culturali

ICCD

S10.1 - AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE - Produzioni Editoriali


 

Identità è Futuro


CRICD
Palermo
01/01/2005
 

Titolo
Autore/Curatore
Le torri nei paesaggi costieri siciliani 

L’opera raccoglie oltre 200 schede relative alle torri costiere siciliane, corredate da rilievi e fotografie anche scattate dal mare.

Les Tours dans les paysages côtiers siciliens - Pubblicazione in formato PDF

 
Ferdinando Maurici, Adriana Fresina, Fabio Militello  CRICD     01/04/2008
Glossario del libro 

La definizione di libro che si trova nei vocabolari italiani, è quella di «Complesso di fogli, a stampa o manoscritti, della stessa misura, stampati o manoscritti, e cuciti insieme così da formare un volume, fornito di copertina o rilegato». Questa definizione per fotografa un particolare momento nella lunga storia del libro, che oggi appare inattuale anche alla luce delle nuove tecnologie. Infatti, sia il rotolo di papiro, carta o pergamena sia il libro elettronico (e-book) non potrebbero essere definiti libri, in quanto non costituiti da fogli piegati e cuciti insieme. Se poi allarghiamo l’indagine al libro dell’Estremo Oriente (cinese, giapponese, indiano, ecc.) neanche questi possono essere definiti libri, perché non rispondono ai requisiti richiesti dalla definizione fornita nei vocabolari. In quest’opera, in oltre 9.000 lemmi, sono definiti i principali termini sia del libro manoscritto, sia del libro a stampa, sia di quello occidentale che di quello orientale.

 
Carlo Pastena  C.R.I.C.D.     
Venticinque anni nel segno della cultura. I Manifesti 

La pubblicazione raccoglie i manifesti che sono stati prodotti in occasione di attività, iniziative e manifestazioni svolte dalle strutture del Dipartimento. Le iniziative promosse e realizzate a partire dal 1977 sono cosi sintetizzate in immagini che tracciano l’itinerario intrapreso dall’Assessorato, teso alla conoscenza, valorizzazione e promozione dei beni e della cultura nella Regione.

 
Angela Accardi  CRICD     01/01/2003
SICILIA I luoghi dell’identità 

La pubblicazione ripercorre le tappe del viaggio di un aristocratico scozzese, che nel XVIII secolo giunto in Sicilia al seguito di un Lord, ne pubblicò il resoconto nel 1773 ed è quindi una occasione per ripercorrere idealmente quello stesso viaggio scoprendo quanta Sicilia ci sia ancora in quelle pagine.

 
  Voyage Pittoresque     01/01/2005
L’Italia d’argento. 1839/1859 Storia del dagherrotipo in Italia 

Maria Francesca Bonetti - Monica Maffioli (a cura di), L’Italia d’argento. 1839/1859 Storia del dagherrotipo in Italia, Firenze 2003. Catalogo della mostra allestita a Firenze, Sala d’arme di Palazzo Vecchio, 30 maggio – 13 luglio 2003; a Roma, Palazzo Fontana di Trevi, 26 settembre – 16 novembre 2003; a Palermo, Palazzo Branciforte, 7 maggio – 13 giugno 2004.

Il catalogo della prima grande mostra dedicata al dagherrotipo in Italia. Suddivisa in base all’articolazione territoriale dell’Italia pre-unitaria, la mostra presenta, tra gli altri, due preziosi dagherrotipi siciliani tratti dal fondo Arezzo di Trifiletti, oggi conservato presso la fototeca del CRICD.

 
Maria Francesca Bonetti, Monica Maffioli  CRICD     01/01/2003
Bollettino della Nastroteca 2004. Eventi e documenti 

Sorgi Orietta (a cura di), Bollettino Nastroteca 2004. Eventi e documenti, CRICD, Palermo 2005: primo volume di uno strumento periodico di informazione delle attività e servizi della Nastroteca. Qui si dà indicazione del patrimonio sonoro d’archivio e delle principali collezioni, accompagnate dai testi introduttivi dei fondatori, dei progetti in corso e delle pubblicazioni realizzate.

 
Orietta Sorgi  CRICD     01/01/2005
Mercati storici siciliani 

Sorgi Orietta (a cura di), Mercati storici siciliani, CRICD, Palermo 2006: Il volume, corredato da DVD, illustra i risultati delle campagne di documentazione realizzate dal Centro sui più importanti mercati storici della Sicilia. Le schede sono introdotte da una serie di saggi scientifici sull’argomento, ad opera di studiosi di diverso orientamento disciplinare. In libreria la nuova edizione del 2007. Introduzione di Antonino Buttitta.

 
Orietta Sorgi  CRICD     01/06/2006
Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione 

Bonanzinga Sergio, Sortino. Suoni, voci e memorie della tradizione, Regione Siciliana, Assessorato dei Beni Culturali e Ambientali e della Pubblica Istruzione, CRICD, Palermo 2008. Il volume corredato di due CD audio con le registrazioni sulle tradizioni musicali di Sortino, restituisce intatto e ancora vivo un universo sociale di tipo tradizionale. Una raccolta di 100 documenti sonori, rilevati sul campo nel 2000 dall’etnomusicologo Sergio Bonanzinga, opportunamente confrontati con i materiali degli anni 60 conservati preso gli archivi dell’Accademia di Santa Cecilia e presso il Museo delle Marionette Antonio Pasqualino. Emerge una straordinaria continuità fra passato e presente).

CD 1. IL CICLO DELLA VITA (Durata totale 73:33)   CD 2. FESTE, MESTIERI, SPETTACOLI (Durata totale 73:10)
1) A mmunticetri (scampanio festivo) 1:25   1) Campana o Vènniri (per rievocare settimanalmente la morte di Cristo) 0:22


2) A naca (indovinello) 0:31   2) Maria passa di na strata nova (canto di Passione) 1:35
3) La ò (ninnananna) 0:54   3) I suoni dei crepitacoli per la Settimana Santa 1:34
4) La ò (ninnananna) 2:00   4) Tamburo del Venerdì Santo e marcia funebre (Allori e lacrime) 5:45
5) La ò (ninnananna) 1:06   5) Miserere della Settimana Santa 3:10
6) Puti putè (filastrocca per divertire i barnbini tenendoli in braccio) 0:13   6) Allegru i Pasca (scampanio per la messa della Resurrezione) 0:52
7) Ciarmu pi vermi (formula magico-terapeutica per la cura dei "vermi") 0:39   7) Nesci malignu che Ggesù è rrisuscitatu! (scongiuro di Pasqua) 0:43
8) E ttuli ttuli ttuli (filastrocca) 0:57   8) Storia di santa Sofia 2:18
9) Sammicenzu cu ll'ali cu ll'ali (filastrocca) 0:09   9) I Virgineddi per santa Sofia 2:35
10) Sàcciu na canzunetra (filastrocca) 0:17   10) Rosario di santa Sofia 1:23
11) Pisi pisella (filastrocca per contare) 0:18   11) Formula per le richieste di grazia a santa Sofia 1:16
12) Ninnirinnola (gioco ritmato) 0:28   12) Scampanio per salutare le processioni dei Santi 0:53
13) È arrivato l'ambasciatore (gioco cantato) 1:02   13) 10 settembre a Sortino (marcia bandistica) 5:33
14) Valzer 3:32   14) Tu scendi dalle stelle / Di notte a mezzanotte (novena di Natale) 2:31
15) O Ddiu si ppisci finu mi facissi (canzuna) 1:35   15) Risbigghiativi paisani (canto di Natività) 1:39
16) Palumma ianca ca voli pi mmari (canzuna) 0:24   16) U mètiri (la mietitura tradizionale) 2:11
17) Funtana di bbillizzi e ppirchl chianci (canzuna) 0:40   17) Sugnu appuiatu nna sta cantunera (canzuna di contadini) 1:22
18) Mazurka 2:34   18) Commu si cugghienu li bbeddi pira (canto di contadini) 1:13
19) La ggenti ca mi sèntunu cantari (canzuna) 0:43   19) U pisari (la trebbiatura tradizionale) 2:54
20) Notte senza luna (tango) 3:36   20) Canzuna ri pisari (canto dell' aia) 1:01
21) Susiti bbella, susiti matinu (canzuna) 1:05   21) Canzuni ri pisari (canti dell'aia) 3:12
22) Sunata ri friscalettu (sonata al flauto di canna) 1:17   22) U cuntari (la misura del frumento) 2:05
23) Vai dicennu ca bbeni mi voi (canzuna) 1:25   23) I campani (i campanacci dei pastori) 5:23  
24) Maddalena (fax) 12:34   24) Richiami e sonorità pastorali 3:34
25) M'avasta l'arma d'iri a nnatuni (canzuna) 0:56   25) Vanniata ri marruna (richiamo del venditore di caldarroste) 0:39
26) Tango di Rinella 2:31   26) Vanniata ri cirasi (richiamo del venditore di ciliege) 0:44
27) Li multi vuci (cuntrastu) 7:29   27) Vanniata ri càlia e ssimenza (richiamo del venditore di ceci tostati e semi di zucca) 0:36
28) Ciuritru (valzer) 3:11   28) Vanniata ri luppina (richiamo del venditore di lupini) 0:29
29) Ammina sugnu e mmi vestu a omininu (canzuna) 1:08   29) Vanniata da ricotta (richiamo del venditore di ricotta) 0:12
30) Sunata ri friscalettu a ttri puttusa (sonata di flauto di canna a tre fori) 0:28   30) Canzuni a la carrittera (canti di carrettieri) 2:58
31) Tarantella 1:42   31) Canzuni ri lavannari (canti di lavandaie) 1:32
32) Polka 1:56   32) A ncùnia (l'antico lavoro di forgia) 2:00
33) Polka 1:32   33) Voce e ritmi del puparo Ignazio Puglisi 1:24
34) Quadriglia 1:12   34) Voce e ritmi del puparo Ignazio Manlio Puglisi 6:22
35) Agunìa (suono di campana per annunciare un decesso) 0:42
36) Rosario dei Defunti 2:48
37) Rosario dei Defunti 2:49
38) Appetru ("appello" di campana agli uffici funebri) 0:35
39) Rosario dei Defunti 5:08
40) Mattòriu (campane "a morto") 0:52
41) Chiantu (lamento funebre) 0:23
42) Appello di campana alle messe per la commemorazione dei defunti 0:50
43) Chiantu (lamento funebre) 5:34
44) Liòria (scampanio "a Gloria" per segnalare il decesso di un bambino) 0:46
 
Sergio Bonanzinga  CRICD     01/01/2008
Norme per la catalogazione di parchi e giardini - Scheda PG 

Normativa per la schedatura dei parchi e dei giardini storici.

 
Paola Misuraca, Michele Buffa  CRICD     01/11/2005
Norme per la catalogazione di settori urbani e unità minime edificate - Schede SU e SU/A 

Normativa per la schedatura dei settori urbani e l’edilizia elencale.

 
Paola Misuraca  CRICD     01/07/2005
Norme per la catalogazione di edifici e manufatti Architettonici - Scheda A 

Normativa per la schedatura del patrimonio architettonico e monumentale.

 
Paola Misuraca  CRICD     01/12/2004
Borgate. Acqua dei Corsari 

"Primo capitolo di un progetto più vasto dedicato alle borgate palermitane, nell'ambito di una ricerca sui contesti urbani, questa pubblicazione rivisita un lembo estremo della Palermo sud orientale. Partendo dal suo toponimo, strettamente connesso alle vicende storiche e alle incursioni piratesche, vengono illustrate le alterne vicende storiche e sociali, le peculiarità architettoniche e industriali, fino all'epoca attuale, tra memoria, mutamenti e sconvolgimenti. Fotografie di Pietro Duca e Fabio Militello.

Il volume in formato pdf

 
a cura di Pietro Duca  Cricd     
Antonino Uccello etnomusicologo 

Gaetano Pennino (a cura di), terzo volume della collana Archivio Sonoro Siciliano, in italiano e inglese, con due CD allegati, Regione Siciliana, Assessorato dei Beni Culturali e Ambientali e della Pubblica Istruzione. Documenti sonori inediti degli Archivi di Etnomusicologia dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Introduzione di Giorgio Adamo con un saggio di Sergio Bonanzinga.

Disco 1  
1) (ie va) A cquannu a cquannu (a) ca mi maritai (a) 1.07
2) Trasi trasi baiu (a) ca l'aria è butata 2.17
3) E la gran cunfusioni 3.15
4) Balletto 1.05
5) lalòfuru di Spagna si binutu 0.45
6) lalofru ca ri Spagna si binutu 1.44
7) Figghia mia quantu si fina 1.40
8) A Roma c'è na chiesa ri valuri 2.25
9) Chirie elèison 4.54
10) Matre inviolata 2.20
11) Aò càlala bedda cala 1.47
12) E Cuncittina ti viesti pulita 2.03
13) Presentammu cincu posti 1.20
14) Sona chitarra mia fa' bona vuci 2.15
15) Sangu sangu ri Gesù 0.52
16) Cruci santa Cruci vera 0.40
17) E un giorni tielo o co le to pieri 1.02
18) Novena di Natale 1.09
19) Sta notti mi sunnaiu (e) lu Signuri 2.12
20) O ucidduzzu ri mala razzina 2.14
21) Aò a figghia mia riposi un puocu 2.41
22) Avò e di la vò 1.14
23) Buttuni r'oru e buttuni r'amuri 1.24
24) Spartenza amara (e) biulenti e forti 1.18
25) E la vò figghia risiata 0.44
26) Fava o fava nova 0.09
27) Puma frùttila 0.16
28) St'annu a Giarratà (e) mi puttaru 1.02
29) Figghiu picciriddu comu muristi, culonna 2.18
30) È muortu pi nui 2.05
31) Cumminciamu a larari la nostra Tirnitati 2.52
32) I Nzunzieddi 1.13
33) Masciu Pietru masciu Pietru 1.15
34) Un ghiornu ca vinia ri la chiana 2.11
35) (e) Palumma ianca che voli pi mari 0.28
36) Genti vui la chiù divota 2.50
37) Ninchi ninchi la campanella 0.53
38) Munacelli munacelli 1.02
39) Suono di brogna 0.20
40) Ciumma a mari 0.27
41) E la saglia 3.05
42) Fuotti isati fuotti 0.24
43) Modda 1.16
44) Assitta 1.12
45) Visti l'amanti mia supra na parma 4.44
46) Fa' la ò lu figghiu è miu 1.21
47) Fa' la ò si picciridda 1.57
Disco 2
48) San Giusippuzzu unn'atu statu 1.16
49) Riggina l'arta puòlica cumanni 3.17
50) O Santissimu Cristu 0.49
51) Matri ri lu me cori 3.20
52) A tia, pigghia sti viesti e cacciamu nna l'aria 1.55
53) Trantella 2.05
54) Sutta un pieri ri rosamarinu 0.32
55) Nuzzi nuzzi nuzzi 0.11
56) E tull tull tull 0.47
57) laiu diliziosi a un chilo e mezzo cento lire 0.31
58) E tu ca duommi nna sta sponza i liettu 0.58
59) lalòfiru ri Spagna si binutu 1.02
60) A Diu ca pisci finu mi facisti 1.19
61) Trantella 1.54
62) O mamma ca m'ammazzu ca m'ammazzu 2.23
63) Capelli ricci 'nciarmati r'amori 2.19
64) Gloria del Padre e del Figlio 6.39
65) E la ò lu figghiu miu 2.22
66) San Giuseppi nn'avìa chi fari 0.26
67) Maruzza lavava Giuseppi stinnìa 0.21
68) Bambineddu ri Catanissetta 0.11
69) Nta na macchia ri nucidda 0.18
70) Nta na macchia ri castagna 0.11
71) Bamminieddu abballa abballa 0.21
72) Quant'è bedda sta figghia ri massaru 1.33
73) Ghiùvini mi paristi un San Micheli 1.10
74) Àncila santa si fatta rimita 1.42
75) Lu figghiu miu lu figghiu beddu 2.50
76) Matinu matinieddu mi azzai 5.05
77) (iè) Ura l'amici mia cuntenti sunu 1.31
78) Dio ti salvi o Regina 3.29
79) Dio ti salvi o Regina 2.42
80) E decimila voti 0.54
81) Maria passavu na strata nuova 3.30



 
Gaetano Pennino  CRICD     01/01/1995
Heritage Interpretation Centres. The Hicira Handbook 

AA.VV., Heritage Interpretation Centres. The Hicira Handbook, Barcelona 2005.
Un manuale di “buone pratiche” elaborato all’interno di un progetto realizzato con finanziamenti comunitari da un gruppo di partners pubblici italiani, francesi, svedesi, belgi e spagnoli, avente come capo fila la Diputaciò Provincial di Barcellona. L’obiettivo del progetto  è principalmente quello di favorire lo sviluppo dei Centri d’interpretazione del patrimonio culturale, con particolare riferimento alle aree rurali e periferiche d’Europa.

 
AA.VV.       01/01/2005
Bollettino della Fototeca. Attività e consistenza 

Bollettino della Fototeca. Attività e consistenza, CRICD Palermo, 2000

 
  CRICD     01/01/2000
Le Mappe del Catasto Borbonico di Sicilia. Territori comunali e centri urbani nell’archivio cartografico Mortillaro di Villarena (1837-1853) 

Enrico Caruso – Alessandra Nobili (a cura di), Le Mappe del Catasto Borbonico di Sicilia. Territori comunali e centri urbani nell’archivio cartografico Mortillaro di Villarena (1837-1853), Palermo 2001.
Composto da 426 carte, l’archivio Mortillaro di Villarena, costituisce un complesso documentario di grande valenza storico-culturale per le preziose informazioni contenute sull’assetto del territorio urbano ed extraurbano dei comuni della Sicilia preunitaria. La pubblicazione delle mappe del catasto borbonico si propone di restituire alla pubblica fruizione questo articolato ed ingente patrimonio documentale della storia dell’Isola, i cui originali sono conservati presso il Centro Regionale per il Catalogo e la Documentazione.

Le Mappe del Catasto Borbonico di Sicilia

 
Enrico Caruso, Alessandra Nobili  CRICD     01/01/2001
Il Miramondo. 60 anni di fotografia 

Fosco Maraini, Il Miramondo. 60 anni di fotografia, Firenze 2002.
Antologia iconografica ed autobiografica del famoso antropologo e orientalista che mette in parallelo mondi, anzi universi, distanti nello spazio e vicini nello spirito. Suggestioni ed esperienze di vita raccontate per immagini straordinariamente efficaci, nelle quali la Sicilia non è una semplice percezione ma un sentimento consapevole.

 
Fosco Maraini  CRICD     01/11/1999
Mercati storici siciliani (versione DVD con libretto in italiano e inglese) 

Sorgi Orietta (a cura di), Mercati storici siciliani, CRICD 2006 (versione DVD con libretto in italiano e inglese): il DVD mercati storici siciliani presenta un’ampia scelta delle riprese effettuate sui principali mercati storici siciliani, accompagnato da fotografie a colori e testo esplicativo in italiano e inglese). In corso di stampa la nuova versione multilingua (italiano, inglese, francese e spagnolo).

 Pubblicazione in formato PDF

Palermo   Mercato del Capo
(18-11-03)
Mercato di Sant’Agostino
Festa di Santa Rita
(22-5-01)
Mercato della Vucciria
Processione del Venerdì Santo ai Cassari
(18-4-03)
Corso dei Mille
Fiera del bestiame
(11-5-03)
Porticello (PA) Mercato del pesce
(9-7-03)
Festa della Madonna del Lume
(6-10-03)
Milazzo (ME) Mercato la Pescheria
(8-7-04)
Catania Mercato Pescheria
(3-1-06)
Mercato Fera ô luni
(6-1-06)
Mojo Alcantara (ME) Fiera del bestiame
(18-9-03)
Siracusa Mercato di Ortigia
(9-5-04)
Riposto (CT) Mercato
(18-5-04)
Acireale (CT) Mercato la Pescheria
(19-5-04)
Enna Fiera del bestiame
(28-5-04)
Fiera del bestiame
(29-5-04)
Canicattini Bagni (SR) Fiera del bestiame
(8-5-04)
Scoglitti (RG) Mercato ittico
(23-6-04)
Ragusa Fiera del bestiame
(26-6-04)
Caltanissetta Mercato Strat’â foglia
(27-5-03)
Porto Empedocle (AG) Mercato ittico
(5-6-03)
Mazara del Vallo
(TP)
Mercato ittico
(27-3-03)
Partanna (TP) Fiera del bestiame
(9-5-04)
Trapani Mercato ittico
(3-4-03)
Mercato la Loggia
(3-4-03)
Terrasini (PA) Mercato ittico
(7-3-03)
Isola delle Femmine (PA) Mercato ittico
(28-2-03)
 
Orietta Sorgi  CRICD     01/01/2007
Il Museo ritrovato. Il Salnitriano e le origini della museologia a Palermo 

Graditi Roberto, Il Museo ritrovato. Il Salnitriano e le origini della museologia a Palermo, Palermo 2003.
Frutto di anni di attenta indagine e studio di fonti e documenti d’ archivio,l’opera ricostruisce il percorso e le vicende storiche dell’ingente patrimonio custodito nel Collegio Massimo dei Gesuiti, costituito da preziose raccolte e collezioni,confluite successivamente nelle principali istituzioni museali della città. Museo ritrovato, oggetto di alterne vicende, che viene adesso restituito seppure’’virtualmente” alla fruizione, inteso come momento di conoscenza e recupero della memoria della nostra Isola.

Pubblicazione in formato PDF

 
Roberto Graditi  CRICD     01/09/2003
Selinunte insieme a Hulot e Fougères 

In questo volume si presenta la traduzione italiana di Sélinonte. Colonie dorienne en Sicile. La Ville, l’Acropole et les Temples (ed. or. Librairie générale de l’Architecture et des Arts décoratifs, Massin ed., Parigi 1910, pp. XII + 318, 204 ill. e 14 tavv. fuori testo), di Gustave Fougères, professore alla Sorbona, con rilievi e ricostruzioni di Jean Hulot, architetto borsista dell’Accademia di Francia a Roma.
L’opera, ormai di difficile reperibilità, pur essendo stata utilizzata per anni da storici e archeologi per la quantità e qualità delle informazioni e delle immagini, non ha mai avuto una traduzione integrale in italiano. Nato dalla collaborazione, allora inedita, tra un architetto e un archeologo, il libro assicurò ai suoi autori grande notorietà e, per tutto il XX secolo, ha rappresentato la più completa ed esaustiva opera su Selinunte.
Pubblicata in soli cinquecento esemplari in formato in-folio, concluse una prestigiosa collana formata da otto titoli e stampata col contributo del Ministero della Pubblica Istruzione e delle Belle Arti.
Nel maggio 1910, l’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres assegnò un premio ai due autori per Sélinonte, come migliore opera dell’anno.
Da allora molto si è fatto a Selinunte, si sono moltiplicati gli scavi e gli studi sulla splendida colonia megarese, arricchendo le nostre conoscenze; ma il volume di Hulot e Fougères resta un’opera che ha segnato la storia delle pubblicazioni archeologiche, inserendosi nell’ambito dello studio dell’urbanistica applicata al mondo antico.

La presente pubblicazione è organizzata in tre parti. La prima è costituita da due saggi: Appunti selinuntini, che riassume le fasi della ricerca a Selinunte sino al 1910; Jean Hulot e Gustave Fougères, ieri e oggi, che fornisce preziose informazioni sui due autori dell’opera e sul periodo storico-culturale in cui questa prende vita. La seconda parte è dedicata alla traduzione dell’opera, che mantiene l’impostazione grafica dell’edizione francese. La terza parte contiene la bibliografia, non presente nell’opera di Hulot e Fougères, che raccoglie tutte le opere e le fonti antiche citate dai due autori. Sempre in questa terza parte è pubblicata la traduzione di una Memoria – inedita – di J. Hulot, precedente alla pubblicazione di Sélinonte. Fanno parte del volume le tavole a colori originali di J. Hulot, acquisite presso l’École Nationale Supérieure des Beaux-Arts (ENSBA) di Parigi, quasi tutte corrispondenti a quelle pubblicate nell’edizione francese, originariamente stampate in monocromia, mentre alcune sono inedite.
Anche questa edizione di Sèlinonte è frutto di una collaborazione, un lavoro di équipe, a cui tanti hanno partecipato; in particolare, Giuseppe L. Bonanno (studioso di Storia della Sicilia e di Letteratura archeologica), Adriana Fresina (archeologa, dirigente dell’Assessorato regionale dei Beni culturali), Martine Fourmont (archeologa, membro onorario del Centre National de la Recherche Scientifique, Institut de Recherche sur l’Architecture Antique, Parigi), Donatella Metalli (funzionaria archeologa del CRICD) e Fabio Militello (architetto, cui si deve il progetto grafico dell’opera). Il volume – realizzato presso i laboratori grafici del Centro regionale per il catalogo e la documentazione – raccoglie, anche, una preziosa documentazione fotografica conservata presso gli archivi del Museo Storico della fotografia siciliana dello stesso Centro.

Pubblicazione in formato PDF

 
a cura di Adriana Fresina e Giuseppe L. Bonanno  CRICD     
A scuola di catalogazione 

La pubblicazione di questo Quaderno costituisce il risultato di un’attività che il Centro per il catalogo e la documentazione ha intrapreso lo scorso anno di concerto con alcuni Istituti scolastici di Palermo e con la preziosa collaborazione della Soprintendenza del Mare. Lo spirito con cui si è dato vita al progetto è stato quello di attivare concrete sinergie con le Istituzioni scolastiche che operano nel territorio per mettere in atto una sempre più efficace opera di familiarizzazione nei confronti delle tematiche inerenti i beni culturali e ambientali del territorio regionale e suscitare al contempo mirati interessi dei giovani verso tali beni che per quantità e qualità costituiscono un prezioso patrimonio che va conosciuto, indagato, tutelato, valorizzato e fruito.
L’iniziativa che si presenta si inserisce nell’ambito delle direttive enunciate nei documenti programmatici della Presidenza della Regione Siciliana dove un ruolo di primo piano, negli obiettivi strategici, occupano le iniziative volte ad individuare percorsi sempre più concreti con le componenti scolastiche. La scuola, senza dubbio, riveste un ruolo determinante in quanto punto di raccordo tra le diverse istituzioni pubbliche e private che operano nel territorio con l’obiettivo di trasmettere i saperi ad una fascia di fruitori più ampia, individuare percorsi formativi volti ad attivare una sempre più mirata consapevolezza da parte delle giovani generazioni della valenza del patrimonio culturale e ambientale non solo in termini di “complesso” di beni da conoscere, tutelare e fruire ma anche come risorsa in grado di offrire possibili sviluppi occupazionali. Il Centro, in tale direzione, ha voluto allargare il raggio di interlocuzione oltre i canali istituzionali in materia di catalogazione rivolgendosi al mondo della scuola; si è dato vita così ad un progetto finalizzato ad avvicinare i giovani discenti al mondo della catalogazione dei beni culturali per rendere protagonisti e attori essi stessi del processo di conoscenza, funzione precipua del Catalogo. La catalogazione infatti come ben definita da Oreste Ferrari è un “processo di conoscenza permanente” e mette in moto un intervento ricognitivo dei beni finalizzato non solo alla loro individuazione, localizzazione, definizione e descrizione ma anche alla comprensione e ricostruzione del contesto socioculturale che li ha prodotti e a cui sono strettamente legati; ma per far sì che questo processo sia scientificamente valido è necessario servirsi di strumenti metodologicamente corretti che permettano la più esaustiva e ampia indagine dei beni. Il modulo schedografico quindi si pone come strumento di conoscenza suggerendo al catalogatore quesiti ma allo stesso tempo chiavi di lettura e di interpretazione: gli oggetti catalogati vengono analizzati nelle loro componenti percettive e ricomposti nelle loro relazioni con altri beni, luoghi, persone, avvenimenti in una complessa e globale lettura. In tal senso si è voluto far conoscere agli alunni degli Istituti scolastici una metodologia di intervento che, attraverso la redazione di schede di catalogo, ha attivato un percorso di approfondimento sui beni archeologici quali elementi di un passato remoto di cui spesso sono gli unici testimoni; segni di attività umane e di una cultura artistica e materiale che essi hanno contribuito in parte a definire e che oggi ci aiutano a ricostruire e identificare. Appare, a nostro avviso, quanto mai necessario e ineludibile creare una coscienza diffusa che ponga l’attenzione sul fatto che il “valore aggiunto” del nostro patrimonio culturale è proprio nel suo continuo integrare musei, chiese, paesaggio, territorio, persone, in una sola parola il contesto che è il bene culturale più prezioso. Operando in tal senso, oltre che costituire un denominatore comune per quanto concerne la catalogazione in ambito regionale tramite l’adozione di percorsi concordati e utilizzando le stesse metodologie, si dovrebbe poter arrivare alla formazione di personale qualificato per una futura occupazione nell’ambito dei beni culturali e ambientali.
Ci auspichiamo di avere contribuito anche se in piccola parte al percorso formativo degli alunni avvicinandoli al mondo delle Istituzioni dei beni culturali e alle attività che queste svolgono nel tentativo, speriamo riuscito, di colmare uno iato che spesso si avverte tra i cittadini e la pubblica amministrazione. Mi è gradito, infine, esprimere i più vivi ringraziamenti al Soprintendente, al Dirigente del Servizio dei beni archeologici e al personale della Soprintendenza del Mare; ai Dirigenti degli Istituti scolastici che hanno aderito al progetto; ai docenti per l’impegno profuso; agli studenti per la concreta e attiva partecipazione; al Presidente della Società siciliana per la Storia Patria, al personale tutto dell’Istituto e al Direttore del Museo del Risorgimento per la disponibilità e collaborazione; al Comandante della Capitaneria di Porto di Mazara del Vallo, al Direttore e al personale del Museo di Terrasini per la gentile ospitalità; al personale del Centro che si è prodigato per la realizzazione del progetto e a quanti hanno reso possibile questa iniziativa.

Gioacchino Vaccaro

Pubblicazione in formato PDF

 
Donatella Metalli  CRICD     
L'intellettuale al caffè. Incontri con testimoni e interpreti del nostro tempo 

Nel corso di un intervento di ricognizione degli archivi sonori della RAI in Sicilia, colpì particolarmente la nostra attenzione una serie di programmi dal titolo “La cultura e i suoi luoghi”, curata da Loredana Cacicia e Sergio Palumbo, mandata in onda in tre cicli di puntate dal 1989 al 1991. Da quelle trasmissioni veniva fuori, infatti, una preziosa miniera di informazioni di artisti e letterati siciliani, noti e meno noti, una ricca messe di documenti inediti su varie personalità del mondo intellettuale contemporaneo, ma soprattutto il rapporto strettissimo fra la cultura e il suo luogo di origine.

Pubblicazione in formato PDF

 
  Cricd     
Bollettino della Nastroteca 2008 

Sorgi Orietta (a cura di), Bollettino 2008. Attività, ricerche, acquisizioni. CRICD, Palermo 2009: il volume, come il precedente, informa sulla attività svolte dalla Nastroteca; un panoramica che spazia dalle registrazioni dal vivo alle duplicazioni di pregiate fonti orali, dall’esposizione di progetti svolti e di quelli in itinere ad un approfondimento sui Canti della Passione. Contiene inoltre 3 CD audio relativi alle registrazioni di lamentazioni della Settimana Santa.

Pubblicazione in formato PDF

 
Orietta Sorgi  CRICD     01/01/2009
Festa e mercato. Tradizione e modernità 

Sorgi Orietta (a cura di), Festa e mercato. Tradizione e modernità, CRICD, Palermo 2008 (DVD e testo in italiano, inglese e francese): il cofanetto contiene 5 audiovisivi realizzati dal Centro sui principali luoghi del mercato in Sicilia, fra sacro e profano.

Ricerche di mercato. Mercato storici siciliani Ricerche di mercato. Mercati storici siciliani
prodotto per il CRICD dalla CLCT Broadcasting di Palermo
regia: Sergio Gianfalla e Ester Sparatore
Porticello. Storia di un borgo marinari Porticello. Storia di un borgo marinaro
riprese video: Maurizio De Francisci, Pietro Duca
regia: Maurizio De Francisci
montaggio e postproduzione: Maurizio Spadaro
assistenza al montaggio: Gabriella Caldarella
consulenza musicale: Maurizio Zerbo
I mestieri del mare 
riprese video e regia: Maurizio De Francisci
montaggio e postproduzione: Maurizio Spadaro
assistenza al montaggio: Gabriella Caldarella
consulenza musicale: Maurizio Zerbo
La pesca a Isola delle Femmine
riprese video: Maurizio De Francisci, Gaspare Pasciuta
regia: Gaspare Pasciuta
montaggio e postproduzione: Maurizio Spadaro
Le vampe di San Giuseppe. Un rito popolare palermitano 
riprese video: Maurizio De Francisci, Gaspare Pasciuta
regia: Gaspare Pasciuta
montaggio e postproduzione: Gaspare Pasciuta, Maurizio Spadaro


Brochure in formato PDF
Coordinamento generale Gioacchino Vaccaro
Coordinamento tecnico Francesco Vergara Caffarelli

Direzione tecnico-scientifica Orietta Sorgi
Organizzazione generale Gabriella Caldarella
Testi Orietta Sorgi
Schede Marcello Alajmo
Interviste e sopralluoghi Gabriella Caldarella, Elena Lentini
Sbobinatura e trascrizioni Gabriella Caldarella, Giulia Viani, Laura Zanca
Registrazioni audio Edoardo Augello, Francesco Passante, Pierantonio Passante
Postproduzione audio e editing Edoardo Augello, Pierantonio Passante

Riprese fotografiche Maurizio De Francisci, Fabio Militello, Francesco Passante, Salvatore Plano
Postproduzione immagini ed editing Fabio Militello, Francesco Passante, Salvatore Plano

Produzione Futur@ntica srl - Servizi per i beni culturali
Traduzioni in lingua francese Luciana Grasso
Traduzioni in lingua inglese Denis Gailor
Progetto grafico e impaginazione Ferrara + Monterosso
Authoring e realizzazione DVD master Studioforward
Duplicazione DVD BRANMEDIA di Antonio Bruno
 
Orietta Sorgi  CRICD     01/01/2008
Repertorio cartografico & aerofotografico 

In questo repertorio sono raccolte, attraverso schede sintetiche, le informazioni sui documenti cartografici e aerofotografici custoditi negli archivi dell’Aerofototeca del Centro regionale per la catalogazione e la documentazione dei beni culturali. Un notevole e pregevole archivio disponibile per la consultazione e, ove possibile, la riproduzione tanto da parte del pubblico esterno - studenti, professori universitari, tecnici - quanto da parte degli organi centrali e periferici dell’Amministrazione regionale dei beni culturali. Sfogliando il volume, scorre davanti ai nostri occhi una sequenza di rappresentazioni del territorio a varia scala, che documentano, secondo le tecniche via via disponibili, il volto della Sicilia dal XIX secolo ai giorni nostri: dal disegno al tratto del Catasto Borbonico alla cartografia prodotta con tecniche digitali; dalle prime foto aeree alle ortofotocarte digitali dei centri storici siciliani, con le dovute annotazioni che ne agevolano la leggibilità e l’interpretazione. Il Repertorio si pone pertanto come necessario strumento di lavoro e d’informazione per una vasta utenza, assumendo la duplice valenza di indagine tecnico-scientifica di tipo specialistico e di mezzo di divulgazione ad ampio raggio. Un ricco apparato illustrativo a colori e in bianco e nero correda il volume, al fine di rendere direttamente fruibile, almeno in parte, la documentazione presentata.

Repertorio in formato PDF

 
  CRICD     01/03/2010
1 2 3 di 3 

Testo di ricerca